Ocore è una startup palermitana fondata da due ingegneri e un architetto navale, Daniele Cevola, Francesco Belvisi e Mariga Perlongo, che hanno sviluppato e brevettato una nuova strategia di deposizione del materiale che permette di realizzare strutture ad altissime prestazioni, più forti, più durevoli e allo stesso tempo più leggere.

Da tavole da surf a strutture di grandi yacht interamente costruite attraverso il primo robot di stampa 3D ad alte prestazioni, senza modelli e stampi, superando i problemi della stampa 3D tradizionale.

L’idea di Ocore ha trionfato al PNI – Premio Nazionale per l’Innovazione, promosso dalla rete nazionale degli incubatori di impresa universitari (PNICube) con la co-partecipazione di FS Italiane per far emergere i migliori progetti d’impresa ad alto contenuto tecnologico nati nelle università e nei centri di ricerca d’Italia.

Complimenti alla tecnologia maker made in Palermo!

Condividi su Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter