Si è appena concluso il corso di Coding, Robotica Educativa e Stampa 3D per una ventina di docenti dell’Istituto Comprensivo “Alfonso Giordano” di Lercara Friddi (PA).

Il corso si è svolto in 4 giornate: 5, 6, 9 e 10 settembre.

Ogni giorno, una vera full immersion, dalla mattina alla sera, di competenze digitali.

Il primo giorno abbiamo analizzato, insieme agli insegnanti, il software “Scratch“, progetto del Lifelong Kindergarten Group dei Media Lab del MIT, reso disponibile in maniera completamente gratuita. Scratch è un linguaggio di programmazione a blocchi visuali, basato su Javascript, che permette di creare storie interattive, animazioni, giochi, musica e arte e di sviluppare il pensiero computazionale.

fablab-palermo-coding-scratch-scuola

Il secondo giorno è stata la volta della Robotica Educativa: i professori hanno programmato i robot Mbot tramite il software Mblock (basato su Scratch) e si sono divertiti a gareggiare tra loro, dando le istruzioni corrette al robot affinchè facesse un percorso prestabilito.

fablab-palermo-coding-robotica-scuola

fablab-palermo-coding-robotica-scuola

Il terzo ed il quarto giorno sono stati sicuramente i più intensi perchè abbiamo affrontato tantissimi argomenti: abbiamo utilizzato software di modellazione 3D, software di slicing per dare le corrette impostazioni di stampa ad un file 3D, ed infine abbiamo visto le stampanti 3D in dotazione della scuola, in funzione: una stampante a filamento ed una con estrusore d’argilla.

fablab-palermo-coding-stampa3d-scuola

fablab-palermo-coding-stampa3d-scuola

I professori hanno sperimentato un po’ tutto: la modellazione con SugarCAD , disponibile sul sito Indire (Istituto Nazionale Documentazione Innovazione Ricerca Educativa), software semplicissimo, per iniziare da zero con la modellazione 3D e adatto anche per i più piccoli; il processo di slicing (processo che consente di passare da un modello tridimensionale di un oggetto alla sua realizzazione con una stampante 3D) con il software sempre free CURA, ed infine hanno preparato e calibrato le stampanti 3D, apprendendo anche qualche trucchetto per una facile manutenzione ordinaria delle macchine.

fablab-palermo-coding-stampa3d-scuolaBeh…non si può proprio dire che non abbiano messo le mani in pasta!!!