Si sono concluse da poco due bellissime esperienze formative: alcuni degli esperti del FabLab Palermo sono stati infatti impegnati, nei mesi di aprile e maggio, come docenti di due PON (Il Programma Operativo Nazionale “La Scuola per lo Sviluppo” è uno dei 7 programmi operativi nazionali previsti dal Quadro Comunitario di Sostegno (QCS) finanziati dai Fondi Strutturali Obiettivo 1), presso la scuola primaria “Antonio Gramsci” di Bagheria, e la scuola secondaria di primo grado “G.A. Borgese – XXVII Maggio” di Palermo.

“Noi piccoli artigiani in 3D” è il titolo del modulo PON rivolto ai piccoli studenti di 5 elementare, che durante le 30 ore di formazione hanno imparato a disegnare al computer con SugarCAD, software gratuito di modellazione 3D realizzato e messo a disposizione sul suo sito da INDIRE.

stampa3D-sugarcad-pon-scuola-fablabpalermo

Nato nell’ambito della sperimentazione del progetto di ricerca “Maker@Scuola“, SugarCAD grazie alla sua semplicità di utilizzo, permette a docenti, studenti e makers di dare forma alle proprie idee.

Ovviamente i piccoli artigiani, hanno anche visto la stampante 3D in funzione per stampare i loro progetti, che poi i bambini hanno decorato con acrilici, acquerelli e con l’utilizzo della penna 3D.

stampa3D-sugarcad-pon-scuola-fablabpalermo

Di seguito vi mostriamo le foto di uno dei progetti più belli: l’aeroplano di Bryan, che ci ha resi molto orgogliosi.

stampa3D-sugarcad-pon-scuola-fablabpalermo

“Io, i robot e la scuola- idea, assemblaggio e programmazione”  invece è il titolo del modulo PON rivolto agli studenti delle 3 classi di scuola media, durante il quale i giovani hanno imparato a programmare diversi kit di robotica educativa, attraverso software di programmazione visuale a blocchi. Tra i software più usati per il insegnare il CODING e sviluppare il pensiero computazionale tra i giovanissimi, vi è Scratch, ideato dal MIT di Boston, anche questo software free, i cui contenuti vengono continuamente aggiornati da una community mondiale.

robotica-educativa-scuola-pon-fablabpalermoOltre a programmare i robot per fargli fare gare, percorsi ad ostacoli ed inseguire linee nere, i giovani studenti, divisi in squadre e collaborando tra loro hanno anche montato ed assemblato i vari kit: viti, dadi, bulloni, staffe, motori, sensori, elettronica…hanno davvero pensato proprio a tutto!

robotica-educativa-scuola-pon-fablabpalermo

Rimanendo in tema di scuola, vogliamo anticiparvi che FabLab Palermo, in collaborazione con il CIDI Palermo, organizzerà presto, probabilmente con l’inizio del nuovo anno scolastico, dei percorsi formativi dedicati ai docenti interessati ad apprendere i temi dell’innovazione tecnologica applicata alla didattica.